Siesta Home Page

TRA CIELO E TERRA
Vietnam, Laos e Cambogia


Programma di Viaggio


Pagina Iniziale
 
Paesi destinazione
 

 
 

• Sono tre regni nati a seguito della seconda guerra mondiale, ognuno finalmente con una sua propria identità nazionale, ma tutti a formare la splendida e ricca regione indocinese. Questo viaggio inizia in Vietnam, grande poco più dell'Italia, lungo, sinuoso come una canna di bambù piegata dal vento e percorso da nord a sud da una catena di monti che si estendono dai rilievi dello Yunnan cinese fino al mare. Si prosegue poi nel Laos, interamente montuoso con ricche valli alluvionali dove si trovano piccoli villaggi di montagna in cui vivono gruppi etnici che hanno potuto conservare le antiche tradizioni, protetti da una natura vigorosa e templi buddisti dalle linee purissime tra i più belli di tutta l'Indocina. L'itinerario prosegue infine con gli straordinari templi di Angkor in Cambogia. Angkor è il centro principale del regno e dell'arte Khmer: più di 100 templi ascendono verso l'alto insieme alla giungla che ha protetto il luogo per secoli. Ora, i templi di Angkor Vat, di Angkor Tom, del Bayon e una profusione di monumenti incredibili si mostrano nuovamente quali immensi altari al cielo secondo una concezione sicuramente di origine religiosa. Sono necessari molti, seppur brevi, trasferimenti in volo per realizzare questo itinerario che è di grande interesse storico, archeologico, naturalistico e antropologico. Il viaggio può risultare più o meno faticoso anche in considerazione della stagione in cui si sceglie di partire; rimane comunque abbastanza impegnativo pur non essendo assolutamente un viaggio-avventura; bisogna essere in buona forma fisica per le lunghe camminate, per le diverse abitudini alimentari locali e bisogna essere pronti ad adattarsi a qualche inevitabile cambiamento improvviso dell'itinerario. Gli alberghi sono ovunque comodissimi, sempre di standard internazionale. •


1° giorno ROMA/KUALA LUMPUR

Partenza da Roma per Kuala Lumpur, con voli di linea della compagnia Malaysia Airlines. Pasti e notte in volo.
 

2° giorno KUALA LUMPUR/HO CHI MINH

Arrivo in mattinata e volo in coincidenza per Ho Chi Minh. Arrivo e trasferimento in hotel. Partenza per la visita di una parte della città sotterranea di Cu Chi, situata 75 Km da Ho Chi Minh, sostando presso i tipici villaggi rurali. Da questa località si può osservare come un sistema di botole nasconde una fitta rete di gallerie sotterranee e anche subacquee con zone abitabili, magazzini, laboratori, ospedali e cucine la cui costruzione ebbe inizio alla fine degli anni '40 al tempo del dominio francese. Era questo un sistema difensivo e di comunicazione dei contadini Vietcong che non possedevano mezzi sofisticati per l'attacco. Purtroppo questa vera e propria città sotterranea, a causa di secolari problemi di equilibrio etnico ed economico, ebbe modo di ampliarsi nel corso degli anni fino alla lunga, sofferta e contestata guerra del Vietnam che tutti ricordiamo. Il governo permette la visita di una parte dei tunnel che sono appunto il simbolo della resistenza nazionale. Seconda colazione in corso di visita. Rientro ad Ho Chi Minh e breve visita della città, la capitale economica del Paese che al tempo del dominio francese si chiamava Saigon. In quel periodo si impose un vita tipicamente occidentale con l'apertura di case da gioco, ristoranti à la page e ritrovi sociali di vario genere. La città si distaccò dal resto del Paese diventando il simbolo un po' equivoco dell'ammodernamento. Da qui la costituzione nel 1954 di due Paesi distinti a cavallo del 17° parallelo. La storia che seguì vide l'intervento degli Americani ed ebbe lo sviluppo che tutti conoscono. La città è oggi dinamica e vitale con i suoi abitanti dediti a mille attività: dalla preparazione di piatti locali succulenti alla vendita degli apparati elettronici più all'avanguardia. Gli abitanti sono i veri protagonisti di questo Paese con il loro carattere fiero, audace, intraprendente e con il senso pratico tipico dei cinesi e delle genti del sud. Ricordiamo la pagoda Vinh Nghiem con la torre a otto piani costruita con il contributo del Giappone a suggellare la conciliazione raggiunta. Sosta al caotico e grande quartiere cinese di Cho Lon. Qui si trova anche il mercato Binh Tay dove si vendono varie merci e le lacche tipiche intarsiate di madreperla e la pagoda cinese Thien Hau.
Cena e pernottamento.
 

3° giorno HO CHI MINH/VINH LONG/HO CHI MINH

Prima colazione e intero giorno dedicato all'immenso delta del Mekong a circa 130 Km a sud di Ho Chi Minh. Partenza per Caibe dove inizia una splendida navigazione sul fiume tra giardini e mercati galleggianti, in mezzo a canali che si intersecano in ogni direzione. Il fiume, tra i più importanti del pianeta, nasce dal Tibet e con un percorso di circa 4500 Km attraversa la Cina, la Birmania, il Laos, la Cambogia giungendo infine al mare attraverso il Vietnam.
Qui vivono molti vietnamiti operosi, dediti alla coltivazione intensiva di grano, riso, noci di cocco, canna da zucchero e frutta tropicale. Ed inoltre paludi di mangrovie ed una flora rigogliosa completano un quadro naturalistico di indubbio interesse. Seconda colazione in un giardino tropicale. Nel pomeriggio si attracca infine a Vinh Long, tipica cittadina capoluogo della provincia omonima. Visita della bella pagoda dedicata a Confucio e rientro ad Ho Chi Minh. Cena e pernottamento.
 

4° giorno HO CHI MINH/HUE

Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Hue. Arrivo ed inizio delle visite in questa città senza dubbio la più bella del Vietnam, adagiata lungo le sponde del fiume dei Profumi con una infinità di giardini, palazzi, templi, tombe (imperiali e non) e opere d'arte. Durante tutta la dinastia Nguyen (1802-1945), quando prese il nome di Hue, la città fu capitale del Vietnam meridionale fino a quando i Francesi la occuparono e ne condizionarono lo stile di vita fin dal 1885. La città fu anche teatro della battaglia forse più famosa della guerra del Vietnam: l'offensiva del Tet, sferrata nel 1968 dai nord-Vietnamiti contro gli Americani, nella quale persero la vita oltre 10.000 persone. Le visite sono interrotte da una navigazione sul Fiume dei Profumi che permette di assistere alla vita degli abitanti che si svolge sulle sue sponde. Quasi pare di sentirne davvero il profumo tanto le acque sono pulite. Visita della pagoda Thien Mu sulla sponda occidentale del fiume. La pagoda del 1601 presenta una torre di sette piani, ognuno dedicato a una epifania terrena del Buddha. Sosta e visita ad alcune tombe dell'antica necropoli degli imperatori della dinastia Nguyen a 10 Km dalla città. Seconda colazione in corso di visita. Cena e pernottamento.
 

5° giorno HUE/HOI AN/DANANG

Prima colazione e partenza per Danang, percorrendo una bella strada panoramica che supera un semplice passo di montagna costeggiando il mare. Visita delle Montagne di Marmo, formate da cinque colline dalla sagoma netta e precisa, sono meta di pellegrinaggio perché dedicate, secondo credenze fondate nel taoismo, agli elementi sacri dell'universo: acqua, legno, fuoco, metallo e terra. Si giunge sulla sommità di una di queste salendo una lunga scalinata, il paesaggio dalla cima è bellissimo: si osserva la costa per chilometri, le spiagge bianche, i campi coltivati, la catena di monti alle spalle e si identificano le altre quattro colline sacre ai bordi del mare dove si trovano immagini del Buddha all'interno di templi ricavati dalla roccia. Ai piedi della collina si vendono e si fabbricano oggetti vari di marmo e pietra lavica. Dopo la seconda colazione proseguimento per Hoi An e visita della piccola città che conserva ben 844 case storiche e templi in un'atmosfera alquanto piacevole con i suoi quartieri che risalgono a un secolo e mezzo fa, quando svolgeva un importante ruolo negli scambi marittimi internazionali, prima che il primato in questo senso passasse a Danang. Visita di una casa del 1800 appartenente alla famiglia del mercante Tan Ky e della casa al numero 77 di Tran Phu. Qui si può considerare quanto forte sia il culto per gli antenati che è quasi una pratica religiosa a sé stante. Esso si basa sulla credenza che l'anima, se opportunamente pregata e onorata, possa proteggere i propri familiari liberandoli da ogni nefandezza, aiutandoli nella vita di ogni giorno in una partecipazione che sembra abbattere la barriera della morte. Arrivo a Danang. Cena e pernottamento.
 

6° giorno DANANG/HANOI/HALONG

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza per Hanoi, la città del nord, capitale del Paese dai mille volti, certamente più vivibile di Ho Chi Minh con tanto verde, molti laghi ed una maggiore tranquillità. Visita del Tempio della Letteratura dedicato a Confucio, del museo delle belle arti e del museo storico. Quindi visita del centro storico dove si trova la cattedrale neo-gotica, il Tempio di Ngoc Son o del Monte di Giada presso l'incantevole lago Ho Hoan Kiem o della Spada Restituita, il mercato variopinto dove si trovano le merci più disparate: sete e tessuti raffinati, lacche, cestami, ceramiche e artigianato d'arte. I Vietnamiti dimostrano una forte propensione al commercio: dopo la liberalizzazione piccoli e grandi mercati sono fioriti dappertutto come in passato quando i venditori di prodotti alimentari e non, si riunivano per facilitare le attività di compravendita, secondo le diverse categorie di merci occupando specifici settori della città. Qui si trovano le tipiche antiche case con i tetti rossi di epoca e stile francese una addossata all'altra con le strade brulicanti di moto, motorini e biciclette. L'atmosfera è quella della vita di tutti i giorni: donne indaffarate nella preparazione di zuppe e piatti locali, uomini che sistemano le merci, gruppi di bambini che sorridono e giocano con semplici oggetti di uso quotidiano. Dopo una guerra davvero feroce che ha ucciso milioni di persone (59.0000 americani, 224.000 sud-vietnamiti, 1.000.000 nord-vietnamiti) e ferito oltre 4.000.000 di esse, dopo una cinematografia devastante, possiamo oggi rivisitare questo paese con il suo popolo colto e cordiale, con la sua natura esuberante e rigogliosa ed un patrimonio architettonico di grande rilievo. Il paese sta cambiando velocemente, aprendosi al liberalismo che favorirà sempre più l'apertura al mondo occidentale. Seconda colazione e nel pomeriggio partenza per la Baia di Halong, una delle meraviglie naturali più suggestive del Vietnam, splendidamente affacciata sul golfo del Tonchino. Il viaggio di circa 4 ore copre una distanza di 165 Km attraverso un territorio intensamente coltivato a risaie. Lo spettacolo dei contadini armoniosamente al lavoro, donne, uomini e bambini è bellissimo: sui campi sterminati predisposti secondo uno schema patchwork a perdita d'occhio spuntano centinaia di tipici cappelli conici. La strada, alquanto dissestata, obbliga a un'andatura lenta permettendo così una attenta osservazione della vita contadina. Cena e pernottamento.
 

7° giorno HALONG/HANOI

Prima colazione ed inizio di una splendida navigazione di circa sei ore a bordo di un'esclusiva tipica giunca vietnamita di proprietà del nostro corrispondente. La giunca ha lo scafo di legno, una carena larga e piatta ed è attrezzata a due alberi con le caratteristiche vele quadre rinforzate con canne orizzontali parallele. L'incredibile baia è costellata da un arcipelago di tremila isole di formazione carsica scolpite in modo bizzarro dalle acque e dai venti. Lo scenario naturale, tra i più suggestivi del mondo, colpisce per l'estrema bellezza, l'imponenza e l'eleganza delle immense formazioni distribuite a migliaia in un mare profondo e intenso, vivo e animato di gente che pesca e commercia direttamente dalle tipiche canoe. Seconda colazione a bordo a base di pesce appena pescato e cucinato là per là sulla giunca. Navigando tra le rocce si prova nettamente la sensazione di potersi perdere e ritornano alla mente le immagini del film di Régis Wargnier "Indocina". Il nome di Halong significa "dove il dragone discende al mare": la leggenda infatti narra che il luogo fu creato da un mitico drago che discese dalle montagne per sbarrare la strada all'invasione cinese. Nel pomeriggio rientro ad Hanoi. Cena e pernottamento.
 

8° giorno HANOI/VIENTIANE

Prima colazione. In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza per Vientiane, capitale del Laos. Arrivo dopo un'ora e venti circa. Seconda colazione in volo. Trasferimento in hotel. Nel Laos vive una popolazione stranamente ben caratterizzata, nonostante l'incrocio di 68 etnie diverse. È il Paese più complesso dell'Indocina: il 50% della popolazione è dato dal gruppo Lao di stirpe Thai sceso dalla Cina nel X secolo. Di origine cinese sono anche altre tribù infiltratesi nel paese successivamente. Tra questi i Meo, gli Yao stanziati al nord e i Kha (gruppo molto antico, forse di epoca neolitica) stanziato sulle alture boscose. Questo gruppo, come i Meo, pratica un'agricoltura itinerante spostandosi con l'esaurirsi della produttività del suolo e procurandosi nuovo terreno agricolo con l'incendio di aree forestali. Nel Paese vivono complessivamente 5 milioni di persone distribuite per l'85% nelle campagne in prossimità di corsi d'acqua o vie di comunicazione. Il buddismo theravada è la religione ufficiale innestata nel XIV secolo sul culto pre-esistente degli spiriti della terra (phii) mescolando l'ortodossia buddista ad elementi di tradizioni superstiziose animiste. Secondo queste credenze ogni essere umano è dotato di 32 anime o spiriti "Khwan" che devono essere tutti ben conservati. Ogni malattia, disgrazia o evento negativo può portare alla perdita di un'anima delle 32 che va richiamata con il rito del "basi". Un laccio bianco intorno al polso significa che l'anima perduta è stata ritrovata. Il culto "phii" si può analogamente comparare al culto dei "nat" in Birmania. Nel pomeriggio visita della capitale. In particolare ricordiamo il tempio più antico della città (1818) in stile siamese chiamato Vat Si Saket. All'interno vi sono centinaia di raffigurazioni del Buddha in materiali e dimensioni diversi. Ed ancora il museo Prakeo, un tempo anch'esso luogo di culto costruito per custodire il famoso Buddha di Smeraldo che oggi sta nel Palazzo Reale di Bankok e lo stupa di Pha That Luang, simbolo della religione buddista. Cena e pernottamento.
 

9° giorno VIENTIANE/LUANG PRABANG

Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Luang Prabang. Arrivo dopo quaranta minuti circa. Trasferimento in hotel. Inizio delle visite di Luang Prabang, città un tempo capitale del potente regno di Lan Xang (milioni di elefanti, 1353-1694) e dichiarata dall'Unesco patrimonio dell'umanità. Il grande regno, fra i più vasti del sud-est asiatico estese il suo potere su gran parte dell'altopiano di Khorat nell'attuale Tailandia. Il sovrano Sulinya Vongsa, ultimo re di Lan Xang, morì senza lasciare eredi nel 1694. A quest'epoca risale il disfacimento dell'impero che nessuno seppe gestire non promuovendo il confronto con le tribù locali. Seguirono anni di lotte intestine e con i vicini Tailandesi e Vietnamiti. Iniziò un esodo delle popolazioni, soprattutto in Tailandia ed il Laos divenne povero, spopolato, ignorato anche dalla colonizzazione francese che lo considerò poco più di uno stato-cuscinetto. Oggi il Laos è una repubblica democratica popolare che tenta di evolversi economicamente pur sempre restando nell'ambito di un territorio inospitale e fortemente dipendente dall'andamento climatico. Tuttavia vanno concretizzandosi importanti progetti per lo sfruttamento del Mekong con impianti idroelettrici e dighe che lo renderebbero navigabile durante tutto l'anno. Ancora una volta sarà il fiume a portare benessere al piccolo Laos se, ovviamente, lo si saprà gestire tutelando la situazione ambientale di tutti i Paesi che esso attraversa. Gli abitanti di Luang Prabang conducono una vita modesta, senza i comfort cui è ormai abituata la civiltà occidentale. Sebbene il paese non sia facilmente percorribile già molti viaggiatori vi giungono, attratti dai templi storici che sono il retaggio di un passato glorioso, dal paesaggio, dall'atmosfera semplice e rurale, ma soprattutto dai Lao, gli abitanti di questa terra che non ha mai voluto essere considerata una appendice della Tailandia o del Vietnam. Seconda colazione in corso di visita. Prima del tramonto salita sulla collina di Phu Si dove si trovano due tra i templi più antichi e da dove si gode di una splendida veduta d'insieme. Cena e pernottamento.
 

10° giorno LUANG PRABANG

Pensione completa. Intero giorno dedicato al completamento delle visite. Si visitano molti templi, tutti posti tra la collina di Phu Si ed il fiume Mekong: tra questi il superbo Vat Visoun, fra i più antichi templi in uso con lo stupa dalla caratteristica forma emisferica, il Vat Xieng Thong costruito secondo il più puro stile classico laotiano. Ed inoltre il palazzo reale ora museo nazionale e le grotte di Pak Ou dove si giunge navigando un breve tratto del fiume Mekong.
 

11° giorno LUANG PRABANG/VIENTIANE/PHNOM PENH

Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Phnom Penh, capitale della Cambogia, via Vientiane. Seconda colazione in volo. Arrivo nel primo pomeriggio e primo giro orientativo della città. Cena e pernottamento.
 

12° giorno PHNOM PENH/SIEM REAP

Prima colazione e completamento delle visite. In particolare visita del museo nazionale che conserva splendidi capolavori dell'arte Khmer e della pagoda d'Argento così chiamata per il pavimento coperto interamente da piastrelle d'argento. Dopo la seconda colazione trasferimento in aeroporto e partenza per Siem Reap dove si trovano i meravigliosi templi di Angkor, l'incredibile capitale dell'impero Khmer considerata retaggio della cultura dell'umanità e una delle meraviglie del mondo. La capitale monumentale che vive ormai in simbiosi con la foresta, fondata da Yasovarman (889-910) che edificò il primo tempio-montagna, è quanto di più impressionante si possa immaginare. Inizio delle visite. Cena e pernottamento.
 

13°/14° giorno SIEM REAP(ANGKOR)

Pensione completa. Interi giorni dedicati alle visite iniziando dai templi di Angkor Tom, ultima capitale fortificata del regno Khmer, che si estendono su 10 Kmq con il Bayon, un enorme tempio buddista adornato da una profusione di bassorilievi. È al re Yayavarman VII che si deve la recinzione di mura della quadrata Angkor Tom. Ed ancora visita dell'Angkor Vat, il tempio più bello e più celebre con la sua superficie di 1.950.000 mq ed il muro interno di 1025 metri per 800: certamente il tempio più grande del mondo. Davanti ai nostri occhi tutta la plasticità, l'eleganza, la spiritualità estrema dell'arte Khmer nel suo momento più eccelso. L'infaticabile attività costruttiva del re Yayavarman VII diede origine al Ta Prohm, eretto nel 1186. Chiuso da una cinta esterna lunga un chilometro e larga 600 metri con porte d'accesso dominate da torri con i volti del Buddha, più che un tempio è un insieme di gallerie, di sale, di cappelle a costituire un immenso monastero buddista. Alcuni documenti attestano che nel tempio soggiornavano 79.000 persone che traevano sostentamento dal possesso di 3.100 villaggi che il sovrano aveva dedicato al tempio stesso. Il Ta Prohm è l'unico tempio della zona visitabile che è stato lasciato così come apparve ai primi esploratori francesi del 19° secolo, con i monumenti imponenti coperti dalle radici gigantesche di alberi secolari.
Ed ancora il Ta Keo raffigurante un colossale mandala tridimensionale e molti altri templi induisti e buddisti, pagode, vasche, piazze e terrazze i cui nomi assumeranno importanza solo dopo averli visitati.
 

15° giorno SIEM REAP/PHNOM PENH

Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Phnom Penh. Arrivo e completamento delle visite in questa città che sta alla confluenza tra i fiumi Mekong e Tonlesap, la più gradevole tra quelle edificate dai Francesi. In particolare ricordiamo il museo del genocidio (assolutamente da non mancare). Seconda colazione, cena e pernottamento.
 

16° giorno PHNOM PENH/KUALA LUMPUR/ROMA

Prima colazione, trasferimento in aeroporto e partenza per Kuala Lumpur. Pasti liberi. Attesa del volo per l'Italia. Notte in volo.
 

16° giorno ROMA

Arrivo in Italia nelle prime ore del mattino.
 

17° giorno ROMA

Arrivo in Italia nelle prime ore del mattino. 


Travel Italy Home Page Pagine realizzate da
  Travel Italy