Siesta Home Page

AZZURRO LUME DI LUNA
India (Rajasthan)


Programma di Viaggio


Pagina Iniziale
 
Paesi destinazione
 

 
 

• Un bellissimo e completo itinerario nel Rajasthan, la terra dei fieri Rajput. Maharaja, Raja, Rana, erano i titoli nobiliari dei signorotti locali arricchitisi oltre misura esigendo dazi e gabelle dalle carovane che percorrevano quelle piste riarse cariche di merci pregiate. Una volta costruiti i porti, il commercio prese la via del mare e il Rajasthan cessò di esistere come terra di passaggio e piombò in un letargo che lo ha conservato integro. È questa una terra solare dove i rossi, i gialli, gli arancione dei turbanti dalla lunga coda si fondono nel verde e nel turchese dei vaporosi, elegantissimi sari e dove il profumo speziato dei mercati penetra le ampie e fresche sale di magnifici palazzi dalle facciate lavorate come un pizzo. Il nostro itinerario include la visita di molti templi jainisti, di massicce fortezze, eleganti palazzi, templi induisti in finissimo marmo bianco ma non trascura il contatto con le etnie locali né lesina il tempo di soffermarsi a godere i tramonti che qui sanno infuocarsi come in nessun altro luogo al mondo e suggeriscono la suggestione di leggende che qui non sembrano più tali. Questo itinerario è per i nostri viaggiatori esperti ed infaticabili che non temono lunghi trasferimenti in pullman, sistemazioni alberghiere a volte modeste ed il caratteristico clima del deserto. Ed inoltre, transitando da Bombay, visitiamo le splendide grotte templari di Ajanta ed Ellora che si trovano nello stato del Maharashtra. •


1° giorno MILANO/BOMBAY

Partenza da Milano Malpensa per Bombay con voli di linea. Arrivo attorno alla mezzanotte e trasferimento in hotel. Pernottamento.
 

2° giorno BOMBAY/UDAIPUR

Prima colazione. Condizioni meteorologiche permettendo, partenza in battello per la visita dell'isola di Elefanta dove si trovano quattro bellissimi templi scavati nella roccia dedicati a Shiva, una fra le tre raffigurazioni principali della divinità induiste che sono Brahama, il dio creatore, Visnu, il dio conservatore e Shiva il dio distruttore e riproduttore. Ognuna di queste divinità ha una consorte o aspetto femminile in contrapposizione che si manifestano diversamente con simboli e sembianze. In questo modo si crea il pantheon induista che consiste in oltre 330 milioni di divinità e demoni. I templi si raggiungono salendo una scalinata abbastanza impegnativa. Seconda colazione. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per Udaipur. Cena e pernottamento.
 

3° giorno UDAIPUR

Prima colazione e giornata dedicata alla visita della città che compete con le più affascinanti del mondo per la bellezza dei palazzi, l'eleganza dei parchi e la pregevole architettura dei templi. In particolare si visitano il Palazzo di Città, il tempio di Jagdish dedicato a Visnu e i giardini Saheliyon Ki Bari. Dopo la seconda colazione visita di Nagda (circa 20 Km) dove vi sono una quantità di templi, semplici santuari ed edifici risalenti al IV secolo d.C. Ne visitiamo alcuni con architetture e sculture di squisita fattura. Rientro ad Udaipur e breve navigazione sul lago Pichola. Cena e pernottamento.
 

4° giorno UDAIPUR/RANAKPUR/JODHPUR

Prima colazione e partenza per il nord della regione. Dopo circa un'ora di viaggio (60 Km) sosta a Ranakpur, anche questo un centro fra i più importanti della religione jainista. Si visitano una serie di templi incantevoli in marmo bianco di epoca medioevale con decorazioni minuziose fino all'inverosimile, meravigliose nell'armonia delle loro architetture. Arrivo a Jodhpur dopo aver percorso altri 200 Km in tempo per la seconda colazione. Nel pomeriggio visita di questa città carovaniera del principato di Marwar fondata da Rao Jodh, capostipite di una eletta stirpe di Maharaja, nel 1459. Qui, racchiusi dalle mura vi sono bazar pittoreschi dove si trovano le merci più tipiche dell'India. La città è accoccolata ai piedi della roccia e nasconde un labirinto di stradine in cui sarebbe bello perdersi; le case dipinte di azzurro che inondano di questo colore i vicoli del centro appartengono ai Brahamini, la casta dei sacerdoti indu più elevata. Il sistema delle caste può dar adito a milioni di discussioni: non si giungerà mai a valutarne esattamente la portata anche se il punto di partenza è la diversità di ogni singolo individuo, diversità accettata e valorizzata ma molto più spesso discriminata e sottomessa. Vorremmo dire che il sistema delle caste non è estraneo al pensiero occidentale; inutile pertanto scandalizzarsi di fronte all'estremizzazione indiana di questo concetto. Nella parte occidentale si trova il forte Meherangarh, tra i più belli del Rajasthan, posto in cima a un rilievo roccioso dominante la città. Poco distante dal forte si trova il cenotafio Jaswant Thada costruito in marmo bianco nel 1899. Anche il palazzo Umaid Bhawan costruito in epoca più recente nella parte orientale della città, dimostra quanto la cultura Rajput fosse forte fino all'ultimo, nonostante l'avanzare di ideologie sociali che avrebbero ribaltato la condizione dei Maharaja. Cena e pernottamento.
 

5° giorno JODHPUR/JAISALMER

Prima colazione e partenza molto presto per Jaisalmer che si trova circa 295 Km a nord-ovest. Seconda colazione in corso di viaggio. Il paesaggio qui è pre-desertico e il percorso si compie in circa sei/sette ore. All'arrivo inizio della visita di questa città, la città d'oro del deserto di ineguagliabile ed autentico fascino. Cena e pernottamento.
 

6° giorno JAISALMER

Prima colazione e visita della città dove persiste, come in nessun altro luogo del Paese, la magica atmosfera medioevale da mille e una notte. Ai piedi della fortezza stipata di palazzi, templi e abitazioni eleganti transitavano tappeti, gioielli, spade, spezie, datteri, fichi, schiavi e odalische per il piacere delle corti più sfarzose entrate a ragione nella favolistica di tutto il mondo. Occorrerebbe sostare in questo luogo ben più a lungo, perché è davvero un piacere senza eguali girovagare tra le viuzze intriganti che consentono un completo abbandono alla magica e misteriosa suggestione del luogo. Visita del forte posto sulla sommità della collina Tricuta, del Palazzo di Città, dei bei templi jainisti, del bazar e di altre magnifiche costruzioni della città bassa. Seconda colazione e nel pomeriggio visita di Lodurva, a circa 15 Km dove vi sono le rovine della capitale precedente a Jaisalmer e alle dune mobili del deserto del Thar. Rientro verso Jaisalmer per attendere il tramonto dalla collina dei cenotafi reali che sorgono nell'oasi di Bada Bagh, a un Km dalla città. Cena e pernottamento.
 

7° giorno JAISALMER/POKARAN/BIKANER

Prima colazione e partenza per Bikaner, che si trova circa 330 Km a nord-est. Sosta a Pokaran per la seconda colazione. Arrivo a Bikaner, ancora sulle rotte carovaniere di un tempo che collegavano l'India all'Asia centrale, dopo circa otto ore di viaggio. Cena e pernottamento.
 

8° giorno BIKANER/MANDAWA

Prima colazione e visita di questa ricca e suggestiva oasi tutta compresa tra le dune di sabbia nota come la città rossa. Bikaner è cinta con alte mura merlate e in epoca medioevale era un'importante tappa delle carovane che transitavano lungo le vie commerciali. Si visitano il massiccio forte che all'ingresso porta impresse le orme delle mani delle nobildonne che praticarono il satì (autocremazione) come ultimo atto d'amore per il loro Maharaja; la città vecchia, il palazzo Lalgarh e i templi jainisti. Ed ancora il mercato, per un incontro con gli abitanti: possenti uomini inturbantati e splendide donne in abiti colorati che portano preziose cavigliere. Tutto rievoca il fascino misterioso di un tempo quando la storia si fondeva alle favole. Seconda colazione e partenza per Mandawa dove si giunge dopo circa cinque ore (184 Km). Cena e pernottamento.
 

9° giorno MANDAWA/JAIPUR

Prima colazione e visita di alcune haveli, le residenze decorate dei ricchi commercianti che qui sono tra le più belle della regione. I dipinti sono ispirati perlopiù alla mitologia indu e ai racconti popolari. Dopo la seconda colazione partenza per Jaipur che si trova a 167 Km e dove si giunge dopo circa quattro ore. Cena e pernottamento.
 

10° giorno JAIPUR

Prima colazione e incontro con questa città merlata, colorata di rosa, capitale del Rajasthan fondata nel 1727 dal Maharaja Jai Singh II, famoso astronomo e matematico. A circa 11 Km si trova la favolosa fortezza di Amber, l'antica capitale dello stato di Jaipur costruita nel 1616 in fasi successive dal Maharaja Man Singh e dai suoi eredi. Qui, in posizione dominante si visita il forte mai conquistato, raggiungibile a dorso di elefanti predisposti per le visite turistiche, ma desiderandolo fare anche a piedi. Superata la porta di Ganesh ci si trova nel palazzo di vetro che ha mura rivestite di cristalli e specchi. Ed ancora seguono cortili e terrazze affacciate sul lago Maota. Rientro a Jaipur e seconda colazione. Nel pomeriggio visita del cuore della città vecchia circondata da mura dove si trova, su una vasta superficie, il Palazzo di Città abitato dal Maharaja con bei giardini e padiglioni. Al centro si trova il cuore abitativo e cioè il Chandra Mahal di sette piani trasformato in museo. Appena fuori dal Chandra Mahal si trovano i grandi vasi d'argento dal diametro di quasi due metri che il Maharaja, devoto indu, utilizzava per trasportare l'acqua sacra indiana ogniqualvolta si doveva recare in Inghilterra. Tra gli altri edifici l'Hawa Mahal o Palazzo dei Venti, che mostra un'esuberante facciata intagliata costruita nel 1799 e l'interessante Osservatorio Astronomico che fece da modello per diversi altri osservatori, costruito dallo stesso Jai Singh II. Cena e pernottamento.
 

11° giorno JAIPUR/BOMBAY

Prima colazione e tempo libero per aggirarsi negli intriganti quartieri della città. Seconda colazione. Nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per Bombay. Cena e pernottamento.
 

12° giorno BOMBAY/AURANGABAD

Prima colazione e visita della città. A Bombay o Mumbai tutto è un fermento di vita, e le divisioni di lingue e di caste nulla tolgono alla sua unità. La città è varia e vivace, spaziosa e contraddittoria: dai grandi complessi industriali e residenziali alle misere capanne di giunchi dove vive un'umanità spesso ignuda per l'estrema miseria. Tra i tanti elementi che compongono questa enorme città portuale ricordiamo la zona vittoriana con la torre dell'Orologio e la Porta dell'India, grande arco di trionfo costruito nel 1911 in basalto giallo, oggi riferimento e ritrovo per gli abitanti di Bombay. E ancora il tempio jainista, le torri del silenzio sulla collina di Malabar e il museo del Mahatma Gandhi ospitato nella casa dove risiedeva quand'era ospite a Bombay. Seconda colazione. Nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza per Aurangabad. Arrivo dopo meno di un'ora di volo. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.
 

13° giorno AURANGABAD

Prima colazione e partenza per la visita delle grotte templari e monasteri buddisti di Ajanta databili dal 200 a.C. al 650 d.C. che si trovano 166 Km a nord-est di Aurangabad. Queste 29 grotte sono considerate dall'Unesco patrimonio dell'umanità e sono scavate sul versante di una roccia a precipizio sul fiume. Gli affreschi e le sculture sono di pregevole fattura, in parte ben restaurati, e riproducono avvenimenti che riguardano il Buddha, sue raffigurazioni e dei suoi familiari, insieme a scene di vita quotidiana. Il dipinto più famoso, forse il più pregevole è quello della principessa morente nella grotta numero 16. Seconda colazione al sacco. Rientro ad Aurangabad. Cena e pernottamento.
 

14° giorno AURANGABAD/BOMBAY

Prima colazione e partenza per la visita delle grotte di Ellora che si trovano 30 Km ad ovest di Aurangabad. Anche queste grotte, in tutto 34 e più grandi di quelle che si trovano ad Ajanta, sono considerate patrimonio dell'umanità costruite dai monaci induisti, jainisti e buddisti che evidenziano un periodo di tolleranza religiosa in cui si sono potute manifestare credenze popolari ed influenze tantriche. Le grotte si trovano lungo una scarpata non ripida lunga oltre due chilometri; sono decorate armoniosamente con sculture ed affreschi all'interno di templi, cappelle e monasteri. Tra tutte le opere segnaliamo la scultura monolitica più grande del mondo: Kailash, il tempio indù dedicato a Shiva. Il tempio porta il nome della montagna sacra che si trova in Tibet, dove dimorano gli dei e si tratta di un autentico capolavoro finemente tratto dalla roccia per un'altezza di 30 metri. Seconda colazione al sacco. Nel pomeriggio rientro ad Aurangabad, trasferimento in aeroporto e partenza per Bombay. Attesa del volo per Milano, previsto dopo la mezzanotte. Cena libera. Notte in volo.
 

15° giorno MILANO

Arrivo a Milano Malpensa nelle prime ore del mattino.
 


Travel Italy Home Page Pagine realizzate da
  Travel Italy