Siesta Home Page

Antiche e Nuove Capitali
Yemen, Emirati


Programma di Viaggio


Pagina Iniziale
 
Paesi destinazione
 

 
 

• Questo itinerario si propone al viaggiatore che, attento alle comodità, vuole cogliere gli aspetti salienti della destinazione. Due magnifiche città in cui soggiornare: Sana'a, la splendida capitale protetta dall'Unesco e Taizz, la capitale antica di epoca pre-islamica. Partendo da queste due città, dove si trovano alberghi più che confortevoli, si può gustare un minimo di archeologia, visitare i tipici ed impressionanti villaggi di montagna e conoscere le tradizioni e il folclore popolare di un paese che conserva una cultura autentica ed originale tanto diversa dalla nostra. Il viaggio è adatto a tutti ed è studiato appositamente per soddisfare appieno anche le aspettative di coloro che affrontano un "primo" viaggio in Medioriente. Certamente un viaggio nello Yemen deve comunque essere ben preparato proprio per consentire un contatto che sia nel completo rispetto delle diversità, consapevoli che proprio le diversità sono i valori che ogni uomo è chiamato a tutelare. Il viaggio può concludersi con un soggiorno negli Emirati Arabi Uniti dove si può cogliere una realtà del tutto diversa: un paese proiettato nel futuro dove l'antica memoria corre l'inevitabile rischio di essere dimenticata perché probabilmente nell'evoluzione del paese manca il passaggio intermedio della maturazione e della consapevolezza. Qui si vedono i frutti di un incredibile boom economico dovuto alle estrazioni petrolifere: lusso, costruzioni avveniristiche, tecnologie tra le più avanzate che si sono sovrapposte in pochi anni ad un'economia di base che era poverissima. •


1° giorno ROMA/SANA'A

Partenza nel primo pomeriggio per Sana'a con volo di linea. Cena in volo. Arrivo in serata e trasferimento in hotel. Pernottamento.
  

2° giorno SANA'A

Prima colazione ed intero giorno dedicato alla visita di Sana'a e del suo museo nazionale. Questa antica capitale dell'Arabia meridionale conserva ancora, come poche città al mondo, quel fascino che la rese celebre in tutto il mondo islamico. Quasi tutti gli edifici, vecchi palazzi e nuove costruzioni osservano i canoni architettonici tradizionali: fondamenta di pietra, sette-otto piani di mattoni fatti a mano, facciate decorate con stucchi bianchi, archi e finestre arabescati, balconcini in legno. La città era, un tempo, completamente circondata da mura, in parte rimaste e a tratti restaurate, nelle quali si aprivano otto porte: l'unica rimasta intatta è la principale (a sud), Bab el-Yemen. Per potersi calare completamente in un'atmosfera unica e inequivocabile suggeriamo di approfondire la visita del suq diviso in diversi settori: il mercato del sale, quello dei bovini, dello zibibbo, delle uve, dei fichi, del tornio, delle corde, dei cereali, dei metalli, dei narghilè e della carne. Le botteghe sono piccoli locali di due o tre metri quadri, protetti da tettoie di legno in cui, apparentemente pigri e noncuranti, i venditori restano accoccolati a masticare il qat. Seconda colazione in corso di visita. Cena e pernottamento.
 

3° giorno SANA'A/MARIB/SANA'A

Prima colazione e partenza per Marib, 170 chilometri a est di Sana'a. La strada si snoda attraverso una regione montagnosa e raggiunge i 2300 metri. Una ripida discesa segna l'inizio della regione desertica. Marib fu l'antica capitale del regno di Saba e nodo commerciale della mitica via delle spezie ai bordi del deserto del Rub al-Khali. Un tempo, qui sorgeva una ricca e colta città, dove s'incontravano diverse vie carovaniere che collegavano l'India e l'Africa a Petra prima di raggiungere i porti del Mediterraneo. Visita dei resti imponenti dell'antica diga che ne permise lo splendore e di quella moderna che ne incoraggia la rinascita, delle rovine degli antichi templi sabei: il tempio della Luna e quello del Sole e della vecchia Marib, stoicamente agonizzante dopo i bombardamenti della guerra del 1962. Seconda colazione e rientro a Sana'a. Cena e pernottamento.
 

4° giorno SANA'A/IBB/JIBLAH/TAIZZ

Prima colazione e partenza per Ibb costruita a quasi 2000 metri di altitudine. Il villaggio conserva l'architettura tipica yemenita di montagna: piccole strade selciate, palazzi a torre in pietra simili a quelli di Sana'a. Le strette viuzze silenziose e tutte selciate in pietra salgono alla vecchia Ibb, impraticabile ai mezzi motorizzati. Proseguimento per Jiblah, piccola città che appare improvvisamente in tutta la sua suggestione. Le case-torri, costruite in pietra, sono riccamente decorate e sulla collina su cui si appoggia la cittadina è tuttora in funzione un acquedotto costruito ai tempi della regina Arwa. Jiblah, dopo Sana'a, è certamente la città più interessante dello Yemen. Nella sua moschea principale esiste una antichissima scuola coranica dove l'insegnamento è ancora impartito secondo il metodo tradizionale. Seconda colazione in corso di viaggio. Arrivo a Taizz. Cena e pernottamento.
 

5° giorno TAIZZ

Prima colazione e visita di questa antica capitale le cui prime notizie datano al VII secolo, epoca della costruzione della moschea di al Janad che si trova a pochi chilometri. La città si trova ai piedi del Jebel as-Sabr, (Montagna della Pazienza) e si estende su verdi colline a 1400 metri sul livello del mare; questa posizione le permette di godere di un clima temperato sia d'estate che d'inverno. La città fu scelta dalla dinastia dei Bani Rasul (1227-1454) come capitale permanente dello Yemen. Sotto questa dinastia le mura vennero ampliate e rinforzate, vennero costruite inoltre moschee e palazzi. Nel 1546 la città venne conquistata dai Turchi. In seguito essa divenne capitale ancora una volta per un breve periodo, quando l'Imam Ahmed la scelse come residenza (1948-1962). Le mura della città, sono ben conservate solo nella parte meridionale. Ma la città ha perso purtroppo il fascino di un tempo a causa dello sviluppo urbanistico che ha superato i limiti delle antiche mura. Suggeriamo una passeggiata nella città vecchia per cogliere ancora un poco l'antico fascino. Sono interessanti da visitare il Palazzo dell'Imam Ahmad ed il Palazzo reale di Salah, entrambi trasformati in musei. La più famosa delle moschee è quella di al Ashrafiya costruita nel XIII secolo che si eleva maestosa nel suo puro stile yemenita con i due minareti simmetrici, la cupola con le iscrizioni arabe tutto intorno, le ininterrotte decorazioni a stucco finemente realizzate e i pannelli intarsiati. Ora vi si trova una scuola coranica molto importante per tutto il paese. Poco oltre, si trovano la moschea di al Mutabiya del XVI secolo e quella di al Mudhaffar con oltre venti cupole bianche del XIII secolo. Ed infine è caratteristico il suq ricco di merci di ogni genere come quello di Sana'a ma a prezzi più economici, che si estende tra le due porte antiche, Bab al Kebir e Bab Musa. Seconda colazione in corso di visita. Cena e pernottamento.
 

6° giorno TAIZZ/ADEN/SANA'A

Prima colazione e partenza per Aden. Visita della città adagiata nel fondo di un cratere vulcanico che fu capitale dello Yemen meridionale. Si visitano le cisterne di al-Tawila, possibilmente il Museo Nazionale e la moschea di al-Aiderus. Seconda colazione in corso di visita. Dopo la cena trasferimento in aeroporto e partenza per Sana'a dove si giunge dopo circa 45 minuti di volo. Trasferimento in hotel e pernottamneto.
 

7° giorno SANA'A/WADI DAHAR/THULA/KAWKABAN/SHIBAM/SANA'A

Prima colazione e visita di Wadi Dahar a soli 15 Km dalla capitale. Si tratta di un vero e proprio canyon scavato dal fiume e dominato da pareti rocciose, alte fino a 200 metri, interamente bordato da terrazzamenti con orti perennemente verdi. Al centro della valle, su uno spuntone di roccia basaltica alto 50 metri, si innalza "Dar el-Hajjar", lo stupefacente "Palazzo della Roccia", una delle residenze estive degli Imam costruito negli anni trenta e divenuto simbolo dello Yemen. Il palazzo è alto cinque piani ed è tutto decorato di stucchi bianchi secondo il tipico stile di Sana'a. In questo luogo particolare ogni venerdì, come oggi, si può assistere alle cerimonie di danze e festeggiamenti all'aperto che seguono il rito del matrimonio festeggiato dai soli uomini. Proseguimento per la visita di Thula, una cittadina divisa in due parti: la città racchiusa tra mura antiche, quasi interamente intatte a ridosso del Monte Thula e la cittadella fortificata in cima alla montagna. Oltrepassando Hababa, con la sua bellissima piazza che si affaccia su una grande cisterna ancora usata dalle donne del villaggio, si raggiungono Kawkaban e Shibam. Le due località sono insediamenti pre-islamici, come testimoniano i grandi blocchi di pietra con iscrizioni sabee e himiarite con cui è stata costruita la porta di ingresso di Shibam e le antiche colonne che si trovano oggi incorporate nelle sue case e nel suq. Kawkaban è nota come fortezza e si snoda lungo la cima della montagna a strapiombo su Shibam. Dall'alto si gode un suggestivo panorama sugli altipiani orientali, sulla cittadella di Thula e verso il massiccio montagnoso di Shayab. Seconda colazione in un locale funduk. In un'ora si può ritornare a piedi a Shibam, attraverso uno stretto canalone tra le rocce che fino a poco tempo fa era l'unica via di accesso. Ora le due località sono collegate da una strada asfaltata ma è molto bello percorrere il facile sentiero. Rientro a Sana'a per la cena. In tarda serata trasferimento in aeroporto e partenza per Roma dopo la mezzanotte.
 

8° giorno SANA'A/ROMA

Arrivo previsto nelle prime ore del mattino.
 

 

Viaggio con estensione a Dubai, forma sintetica

1° giorno ROMA/DUBAI
2° giorno DUBAI/SANA'A
3° giorno SANA'A
4° giorno SANA'A/MARIB/SANA'A
5° giorno SANA'A/IBB/JIBLAH/TAIZZ
6° giorno TAIZZ
7° giorno TAIZZ/ADEN/SANA'A
8° giorno SANA'A/WADI DAHAR/THULA/SHIBAM/KAWKABAM/SANA'A
9° giorno SANA'A/DUBAI
10° giorno DUBAI
11° giorno DUBAI
12° giorno DUBAI
13° giorno DUBAI/ROMA

 

 


Travel Italy Home Page Pagine realizzate da
  Travel Italy