Firenze > Museo Nazionale del Bargello

Museo Nazionale del Bargello

Si tratta del più importante museo italiano di scultura e di arti minori. Ha sede nel severo e squadrato Palazzo del Bargello, edificio duecentesco di grande importanza storica, che fu costrui­to a partire dal 1255, e servì in un primo tempo come sede del Capitano del Popolo. Dal 1574 vi si stabilì il Capitano di Giustizia, detto Bargello (cioè il capo della polizia) e il palazzo divenne tristemente noto per le esecuzioni capitali. Il museo fu istituito nel 1865. Una rassegna delle opere principali non può non iniziare dallo splendido cortile, sotto le cui arcate si trova, fra l’altro, un bellissimo, enorme cannone dei primi del ’600 e, fra le sculture, il delizioso Pescatore, di Vincenzo Gemito (1877). In una sala al pianterreno sono alcuni capolavori di Michelangelo, quali: il busto di Bruto (c. 1540), visto all’epoca come un eroico liberatore dalla tirannide; il cosiddetto Tondo Pitti (c. 1504), anch’esso reso con il caratteristico ed espressivo «non finito»; il David-Apollo (c.1531), delicato e armoniosissimo; il giovanile Bacco ebbro (1497-99); nella stessa sala, un altro Bacco, del Sansovino (1520), il busto bronzeo di Cosimo I, di Benvenuto Cellini (1546-57), perfetto per la ricchezza del modellato e il celebre Mercurio del Giambologna. Al primo piano, nel bellissimo Verone sono alcuni bronzi del Giam­bologna; nel Salone di Donatello, oltre ai capolavori del grande scultore quattrocentesco, sono numerose terrecotte di Luca della Robbia e le formelle col Sacrificio di Isacco, di Brunelleschi e Ghiberti; nelle altre sale: splendide maioliche di Faenza (e di altre fabbriche), smalti, oreficerie, oggetti sacri e pregevoli avori di varie epoche. Al secondo piano: una sala con le terrecotte di Giovanni della Robbia e una con quelle di Andrea; una sala dedicata al Verrocchio, che comprende anche bellissime opere di Laurana, Mino da Fiesole, Benedetto da Maiano, Rossellino e Pollaiolo; infine, altre due sale con la collezione dei bronzetti (in cui è uno stupendo, enorme camino cinquecentesco) e delle armi.