Spas in Romagna
Terme di collina Salsomaggiore



| Istituto Termale Baistrocchi | | Terme Berzieri | | Albergo Terme Tommasini |




Salsomaggiore Salsomaiore. E' l'antico nome della citta', datole per la particolare caratteristica di possedere un'acqua minerale tra le piu' salate conosciute: un'acqua giˆ apprezzata e utilizzata in epoca preromana. La leggenda racconta che una tribu' di Galli Celetati, due secoli circa A.C., nel corso di una delle tante immigrazioni, si fosse insediata proprio su queste colline, dove aveva trovato l'ambiente ideale per abitarvi e dedicarsi alla fabbricazione del sale. In seguito, anche i romani si interessarono a questa zona e vi costruirono le prime saline andate scomparse da un tremendo cataclisma. Si torno' a parlare di sale fino all'epoca carlingia quando, nell'801 Carlo Magno concesse ad alcuni popolani il privilegio di sfruttare di nuovo le saline. Fu sotto il ducato di Maria Luigia d'Austria che Salsomaggiore inizia a trasformarsi e a considerare l'acqua salsoiodica un bene non solo alimentare ma anche curativo per la salute dell'uomo. Da paese del sale a stazione termale di rinomanza europea, ricca di verdi parchi, giardini e luoghi di svago, collocata nel cuore dell'Italia settentrionale, Salsomaggiore, a soli 32 chilometri da Parma, e' l'unica cittadina della Padania ad essere caratterizzata architettonicamente da un inconfondibile stile liberty, simbolo agli inizi del Novecento dell'ascesa sociale e culturale della nuova borghesia. Da visitare: lo stabilimento termale "Lorenzo Berzieri", sfarzoso monumento dell'art de'co termale con le preziose decorazioni di Galileo Chini e Giuseppe Moroni, la chiesa parrocchiale di S. Vitale, con una cupola ottagonale di 19 metri di diametro e 30 di altezza, costruita nel 1927. L'interno e' a pianta circolare. Nel parco Giuseppe Mazzini, con vialetti, stradoni alberati e un laghetto con cigni, si trova il grande complesso termale Luigi Zoja, inaugurato nel 1970. A confine del torrente Citronia con il Ghiara, un piccolo lago, sormontato da un ponticello in legno, conduce ad un chiosco. Nei dintorni di Salsomaggiore, numerosi fortilizi. Il castello di Bargone, risalente alla prima meta' del Quattrocento, trasformato in residenza dagli Sforza Pallavicino, ha un salone in cui sono conservati dei ritratti del XVIII secolo. A Scipione, risalente al XI secolo e voluto dai marchesi Pallavicino, un altro castello sorto a difesa del territorio, con la tipica torre detta "Piacentina", si inserisce armoniosamente nel borgo ancora esistente. Di importanza scientifica a livello mondiale per gli strati fossiliferi, si puo' visitare il "museo all'aperto" del parco fluviale dello Stirone, a S. Nicomede. A 5 km. spettacolare campo da golf a 18 buche. Grandi piscine all'aperto come la "Leoni", nel parco del palazzo dei congressi, ex Grand Hotel des Thermes, Poggio Diana, complesso tra i piu' eleganti, con piscina, campi da tennis e night, e il palasport. Appuntamenti di interesse nazionale sono ormai entrati a far parte della storia e del costume della citta' termale: Miss Italia in testa, che proprio qui, nel 1991 ha festeggiato il traguardo del cinquantesimo anno di vita, iniziando a proporsi a un pubblico eurotelevisivo. Infine, una fermata storica a Buneto, citta' natale di Giuseppe Verdi.


| Sommario | | Pagina principale | | Terme di Collina | | Terme d'Appennino | | Terme di mare |